Quella sottile linea invisibile

Camminando giusto giusto sul confine tra Italia e Austria nel percorso Water Trail.

Un passo sei di qua e un passo sei di là. Così semplice, quasi banale. Eppure la differenza è enorme. Sarà una fissa mia ma queste cose mi affascinano. E mi chiedo: perché proprio lì la linea di confine e non un metro prima o dopo? Come viene deciso?

Questi confini geografici mi scatenano poi dei pensieri piu generici o astratti. Quanti confini attraversiamo nella nostra vita? E quanti ammettono un tornare indietro?

I nostri confini sono anche ciò che ci caratterizza: i nostri limiti, i nostri princìpi, la nostra confort zone. Cosa facciamo quotidianamente e in modo tangibile per espandere noi stessi, le nostre abilità e le nostre conoscenze?

Detto questo mi fermo qua, potrei cominciare a farneticare e sconfinare in un territorio filosofeggiante che non mi appartiene.

A voi affascinano i limiti, i confini, le situazioni limite?

2 thoughts on “Quella sottile linea invisibile

  1. Bello spunto..grazie…anche a me hanno sempre affascinato i limiti…perchè noi limiti sono racchiuse le nostre possibilità…se non ci fossero barriere credo non ci sarebbe nemmeno il desiderio di superarle..e senza desiderio..sogni..sfiede..credo non ci sarebbe esistenza come l’uomo la intende…

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.