Category Archives: books

The Goal: A process of ongoing improvement – Quick review

Score

⏰⏰⏰⏰⏰ / 5

Cover

Visualizza immagine di origine

Quick review

I read this book because it is listed inside the bibliography of The Phoenix Project and this was a good reason to go for it.

The book is written as a novel and explains the Theory of Constraints inside the process of growth of the main character, Alex Rogo. He’s in charge of a manufacturing plant in serious trouble and he has 90 days to increase performance to save the plant from failure.

The title of this book represents the main question that Alex ask himself to understand what actions he must undertake to solve the task assigned to him. This is the first of many questions that the author uses to drive the improvement and the change of Alex.

The author opens the reader’s mind by revealing us a new way to think about performance and what are the really important things to do to achieve The Goal. He does that with a socratic approach and a progressive discolsure of concepts guided by events that happens in the plant.

If you’re searching for a book that teaches how to think in an effective way and how to organize complex activites inside a plant this is the book for you. Don’t wait to buy it, do it now!

Buy

Amazon – http://amzn.eu/d/68yxMo9

I principi di Dale Carnegie

Sto ripassando, dopo un po’ troppi mesi, i testi di Dale Carnegie.

Metto qui a futura memoria e per rapida consultazione l’elenco dei principi trattati.

Principi Dale Carnegie

Tecniche fondamentali per trattare con la gente

  1. Non criticare, non recriminare, non giudicare.
  2. Siate prodighi di apprezzamenti onesti e sinceri.
  3. Suscitate negli altri la vostra stessa volontà.

Sei modi per farsi benvolere

  1. Interessatevi sinceramente delle altre persone.
  2. Sorridete
  3. Ricordatevi che per una persona il suo nome è il suono più importante e più dolce in qualsivoglia lingua.
  4. Siate buoni ascoltatori. Incoraggiate gli altri a parlare di se stessi.
  5. Parlate di quello che interessa agli altri.
  6. Fate in modo che gli altri si sentano importanti con la massima naturalezza e sincerità.

Come convincere il prossimo a condividere le vostre opinioni

  1. Il modo migliore per avere una discussione consiste nell’evitarla.
  2. Mostrate rispetto per le opinioni altrui. no dite mai: “Lei ha torto!”.
  3. Se avete torto, ammettetelo subito e spassionatamente.
  4. Cominciate sempre col mostrarvi amici
  5. Fate in modo che il vostro interlocutore sia indotto a rispondere sì sin dal principio.
  6. Lasciate che i vostri interlocutori chiaccherino quanto vogliono.
  7. Date agli altri la sensazione che siano stati loro per primi ad avere l’idea giusta.
  8. Cercate di vedere onestamente le cose dal punto di vista del vostro interlocutore.
  9. Siate comprensivi nei confronti delle idee e dei desideri altrui.
  10. Fate appello ai motivi più nobili.
  11. Drammatizzate le vostre idee.
  12. Lanciate una sfida.

Essere un leader: come far cambiare opinione agli altri senza offendere e suscitare risentimenti

  1. Iniziare sempre con le lodi e l’apprezzamento sincero.
  2. Richiamate l’attenzione degli errori altrui in maniera indiretta.
  3. Parlate dei vostri errori prima di sottolineare quelli altrui.
  4. Fate domande invece di impartire ordini diretti.
  5. Fate in modo che l’altra persona salvi la faccia.
  6. Lodate ogni più piccolo progresso. Siate calorosi nell’approvazione e prodighi di lodi.
  7. Date agli altri l’impressione di avere una reputazione da difendere.
  8. Usate l’incoraggiamento. Mostrate quant’è facile correggere gli errori.
  9. Fate sì che l’altra persona sia felice di fare quello che le suggerite.

Reading – The Manager’s Path

I’m currently reading Camille Fournier’s “The Manager’s Path”.

It’s a practical guide to be a better manager in tech. The are some general management principles but it is very specific for the tech/software world.

I find it very inspiring and it makes me think about how I interact every day with my team: what am I doing wrong, what am I not doing at all?

What do you do to be a better manager today than yesterday?